Cerca

Come guadagna Facebook 

Una delle prime risposte possono esserci dalla pubblicità, ma c’è molto di più...

Ogni uno di noi 'aiuta' a Facebook di ottenere una data base che solo loro possono averla ( logico ). Ma non non ci accorgiamo... ovvero non pensiamo che cosa succede dietro i nostri gli schermi...

Facebook è uno dei social network più famosi al mondo e, ogni giorno, oltre due miliardi di utenti si collegano alle sue pagine per condividere esperienze di vita e parlare con i propri amici. Il fatto interessante è che nessuno di questi paga nulla per accedere alla piattaforma. E allora com’è possibile che il sito di Mark Zuckerberg riesca a ottenere fatturati da capogiro arrivando a valutazioni stimate in decine di miliardi di dollari?

Come guadagna... La risposta principale a questa domanda riguarda la pubblicità, ma c’è molto di più. Il vero oro di Facebook sono i suoi utenti e le informazioni personali che questi pubblicano spontaneamente sui propri profili.

In realtà la risposta a questa domanda è molto più vicina a te di quanto immagini, anzi… la risposta sei proprio tu! Cosa voglio dire con questo? Che i guadagni ottenuti dal social network derivano in gran parte dai dati personali che utenti (come te) rilasciano volontariamente iscrivendosi e utilizzando la piattaforma.

Fornendo dati circa la propria età, i propri hobby e le proprie aspirazioni, infatti, gli utenti non fanno altro che dare a Facebook un quadro completo dei propri interessi, il che consente al social network di vendere spazi pubblicitari (quelli che vedi scorrendo il news feed) ad aziende di vario genere, che in questo modo possono essere sicure di comunicare solo al pubblico a cui sono interessate, facendo delle campagne pubblicitarie mirate. Come puoi ben capire, queste campagne statisticamente risultano più efficaci di quelle che si rivolgono alla massa, in quanto sono strutturate tenendo conto delle esigenze e degli interessi di un target ben definito.

Ti faccio un esempio pratico, così che tu possa prendere meglio il punto. Mettiamo il caso che l’azienda di “Tizio” produca gadget tecnologici e che voglia venderli a un pubblico maschile relativamente giovane. Tizio può decidere tranquillamente di far visualizzare la pubblicità del suo negozio a una fascia di utenti di età compresa tra i 15 e i 40 anni, che abbiano tra le loro passioni la tecnologia e l’informatica e che vivano nel Nord Italia.

Anche se la vendita di pubblicità costituisce un’importante fonte di guadagno per Facebook, questa non è l’unica fonte di entrata per il colosso fondato da Mark Zuckerberg. Parte dei guadagni, infatti, deriva anche dalle applicazioni e dai giochi che hanno reso celebre il social network. Hai presente videogame come Farmville, Ruzzle e simili? Bene, le aziende che li producono stringono degli accordi commerciali con Facebook che permettono a entrambe le società di guadagnare del denaro. In questo settore, un ruolo fondamentale lo svolgono i crediti di Facebook: si tratta di una valuta virtuale (acquistabile con denaro vero) tramite la quale è possibile acquistare oggetti nei giochi, fare regali e compiere altre operazioni nelle applicazioni di Facebook.

Non va dimenticato, poi, che Instagram ha acquisito numerose realtà e applicazioni di successo, come ad esempio Instagram e WhatsApp, e quindi trae profitti anche tramite queste ultime (ad esempio con le pubblicità visualizzate nelle storie). Questi sono solo alcuni esempi di come un colosso del Web, come Facebook, può macinare soldi rimanendo totalmente gratuito (almeno all’apparenza) per l’utente finale. Davvero affascinante, non trovi?

1 visualizzazione
Contact

assistenza.tecnica.it@outlook.com

Trieste

Friuli Venezia Giulia

  • Facebook
  • YouTube

© 2018 Design by I make this